Come allontanare le zanzare in modo naturale e… creativo

decorazione-candele-antizan

Abbiamo visto le caratteristiche odorose del nostro corpo che attirano naturalmente le zanzare (vedi articolo: ma perchè le zanzare pungono proprio me?), vediamo ora cosa fare se gli accorgimenti non bastano, oppure semplicemente siamo predisposti e quindi “condannati” a convivere con la nostra condizione di preferito-dalle-zanzare.

Ci sono degli accorgimenti di base per evitare di essere punti dalle zanzare, il primo è tenerle alla larga dal nostro ambiente prima che dalla nostra persona. Ricordiamo che un ambiente salubre è sempre il risultato di molti piccoli e accorgimenti a volte di debole impatto, se presi singolarmente, ma che creano un effetto sinergico molto potente.

Vediamo quindi qualche semplice ed efficace trucchetto per scacciarle dai nostri confini.

  1. Gli ambienti interni della nostra casa sono facili da rendere inaccessibili. Basta munirsi di zanzariere per tutte le porte e finestre. Io ho adottato già da anni questa soluzione e finito da allora di convivere con punture e voli notturni. Ma d’estate si vive prevalentemente all’aperto, soprattutto dall’imbrunire, orario preferito dalle zanzare per l’attacco, allora cosa fare?

rimedi-naturali-zanzare

  1. Un’arma molto potente è la rimozione di tutti gli specchi d’acqua stagnante. Le zanzare hanno bisogno dell’acqua per riprodursi, qui depongono le uova e crescono le loro larve. Senza acqua stagnante non avremo praticamente zanzare in giro nel raggio di molti metri. Lo so, non è un’impresa semplice. Infatti approfittano di tutto, anche dei sottovasi o di una pozzanghera creatasi con una pioggia improvvisa. Teniamo conto che le larve si sviluppano in 5-7 giorni in media. Se abbiamo piccole piscine, fontane o laghetti artificiali, dei semplici pesci rossi risolveranno il problema, poiché si cibano di un grande numero di larve e uova. Per quanto riguarda i sottovasi, l’ideale sarebbe il ricambio d’acqua e la pulizia molto frequente, altrimenti possiamo optare per un disinfettante naturale o oli e piante repellenti per le zanzare, in modo che non si avvicinino;
  1. non lasciamo mai rifiuti organici, soprattutto zuccherini (come le bucce delle angurie per intenderci) in bella vista, lo stesso vale per gli avanzi di cibo dei nostri animali domestici. Assicuriamoci che siano sempre svuotate, altrimenti attireranno molto velocemente vespe, mosche e zanzare. Cambiamo spessissimo anche la ciotola dell’acqua. Attenzione anche a coprire sempre il secchio della spazzatura o del compostaggio, magari con una rete molto fitta;
  1. Un vero e proprio asso nella manica è la batbox. Costruiamo, in pratica, una casetta per i pipistrelli. Se abitiamo in periferia o in campagna questo è il rimedio ideale. Se la nostra batbox sarà abitata, i suoi inquilini pipistrelli la notte andranno a caccia nei dintorni, e le zanzare sono uno dei loro pasti preferiti, ne mangiano fino a 2.000 al giorno!
  1. Se non siamo ancora riusciti a debellare le zanzare ci resta una sola cosa da fare: creare una barriera tra noi e loro. Questo è possibile in modo naturale con piante repellenti e oli profumati, Vediamo quali sono.

Tra le piante più diffuse e facili da trovare e coltivare ci sono:

  • Il geranio;
  • la citronella (specie Cymbopogon nardus o Cymbopogon winterianus);
  • la calendula;
  • l’erba gatta;
  • la lavanda.

piante-repellenti-anti-zanz

In erboristeria si possono trovare oli anti-zanzare molto efficaci:

  • l’olio di neem , efficace anche sul pelo dei nostri animali domestici;
  • l’olio essenziale di rosmarino;
  • l’olio essenziale di citronella;
  • l’olio essenziale di menta piperita;
  • l’olio essenziale di lavanda;
  • olio essenziale di eucalipto.

Le zanzare non amano nemmeno l’odore dell’aglio, del timo, del basilico e del pino.

piante-oli-anti-zanzare

Gli oli possono essere diluiti  e applicati sulla pelle, oppure come repellenti ambientali con  appositi diffusori di fragranze (ad esempio il classico piattino in terracotta riscaldato da una candela).

Per una serata all’aperto, possiamo creare delle composizioni, anche per abbellire la nostra tavola. Ad esempio, possiamo comporre un vasetto di vetro in questo modo:

antizanzare-naturale-decora

Il vasetto è riempito d’acqua, in cui possono essere disciolte poche gocce di uno o più oli essenziali sopra citati. Sono stati poi aggiunti :

  • una fetta di limone;
  • un rametto di rosmarino;
  • un rametto di lavanda;
  • foglie di menta piperita (nel vasetto piccolo);
  • una candela galleggiante.

Ecco l’effetto al buio: il calore della candela fa scaldare l’acqua ed evaporare oli e profumi dal limone e le foglie fresche, da provare 🙂

Sabrina

repellente-naturale-zanzare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *